CGIL Salerno

WhatsApp Image 2022 04 28 at 19.03.16
 
WhatsApp Image 2022 04 30 at 14.07.54

 

 

SE OTTO ORE VI SEMBRAN POCHE

Perché al lavoro spettasse/il diritto al riposo, / decisero la lotta per il 1° maggio/ del 1886” I versi del poema Pervyj Pervomaj (il 1° maggio) di Vladimir Majakovskij richiamano la campagna delle otto ore, culminata nei fatti di Chicago del 4 maggio 1886. Nata per ricordare i martiri di quello sciopero, la data del 1° maggio ha finito per diventare la festa dei lavoratori.

Dopo 136 anni è ancora il caso di ricordarlo. Chicago è il quattro Maggio del 1886. Tremila operai sono riuniti in piazza per ascoltare il comizio dei sindacati, sono in sciopero da tre giorni, sei dei loro compagni erano stati uccisi dalla polizia nei giorni scorsi, la tensione è alta. Dal palco si chiedono otto ore di lavoro, otto di riposo e otto ore per la cultura, una rivendicazione che non è salariale, ma per migliori condizioni di vita.

All’improvviso, la polizia al servizio dagli industriali di Chicago carica. Irrompono nella piazza 180 agenti, alla fine degli scontri si conteranno undici operai morti, oltre cento feriti. Muore un agente, la polizia opera arresti indiscriminati sul posto. Senza un’ombra di prova, sono incriminati otto lavoratori, e in un processo burla vengono condannati a morte. Nel Novembre del 1887 le esecuzioni sono eseguite, ma solo su sei degli imputati.

 

Un movimento per la giornata lavorativa di otto ore, però, si era già affacciato già in Gran Bretagna nel 1832, e aveva avuto come ispiratori Robert Owen e Jhon Fielden, i quali affermavano che le classi lavoratrici avrebbero dovuto prendere in mano le “redini dei propri interessi”. Nel 1834 i filatori di cotone di Londra fissarono una data per rivendicare, con uno sciopero, la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario; ma il progetto fu abbandonato.

La formula che sarà chiamata delle tre otto: “Otto ore di lavoro, otto ore di svago, otto ore di riposo” appare per la prima volta nel 1855 su una grande bandiera, issata da lavoratori emigrati dalla Gran Bretagna in Australia nel parco a Melbourne. E’ negli USA che la lotta per le otto ore ha il suo inizio.

I motivi sono presto detti: la fine della guerra di secessione, nel 1865, vede il ritorno a casa dei reduci, e la contemporanea inevitabile chiusura delle fabbriche che lavoravano per l’industria bellica, apre uno scontro durissimo per la riduzione della giornata di lavoro, come unica condizione per aumentare l’occupazione. Sarà una legge dell’Illinois, approvata nel 1867, a stabilire la giornata lavorativa di otto ore in tutto lo Stato, dal 1° maggio, il giorno in cui, per consuetudine, si rinnovavano i contratti.

In Italia la prima manifestazione del 1° maggio si ha nel 1890, in una situazione politica confusa. La mancanza di un partito della classe operaia, il peso politico del movimento anarchico, sia la presenza di circoli spontanei di operai, rendono complicata la possibilità di trovare un elemento unificante.

Le condizioni per il proletariato erano assai pesanti. La lunghezza della giornata lavorativa, normalmente di dodici ore, giungeva alle sedici giornaliere, la disciplina militaresca presente negli opifici, lo sfruttamento indiscriminato di donne e fanciulli nelle filande e nelle zolfare siciliane, l’arbitrio padronale nella vita interna alle aziende, tutto questo insieme di fattori diede la stura a continue lotte e agitazioni. Tra molte rivendicazioni, a volte di tipo corporativo e arretrato, si fa strada con chiarezza quella delle otto ore; sarà il fattore di coagulo del movimento operaio.

Dunque il 1° maggio è festa nazionale, e non potrebbe essere diversamente, visto che la Costituzione recita all’articolo uno “ L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro” Oltre che laica, questa data è diventata anche festa per la Chiesa, dopo la lunga tradizione cattolica che aveva contrapposto al 1° maggio la data del 15 maggio, a ricordo del giorno della pubblicazione dell’Enciclica Rerum Novarum di Leone XIII avvenuta nel 1891. Nel 1955 Pio XII, parlando ai lavoratori delle ACLI riuniti in Piazza San Pietro, proclama la giornata del 1° maggio come festa liturgica dedicata a San Giuseppe Artigiano, e quindi festa del lavoro cristiano.

La storia, questa storia insegna che nulla c’è regalato, che tutto può essere conquistato, ma con la lotta e con l’unità. Oggi il lavoro ha perso irrimediabilmente il suo valore sociale, è in continua evoluzione, sempre più etereo, sempre più vago, le norme che man mano si sono succedute, hanno smontato pezzi importanti delle condizioni dei lavoratori.

Il lavoro non è più al centro dell’attenzione della classe politica, e si che mai come in questa fase così delicata per il nostro Paese, il futuro dell’Italia e quello del lavoro sono indissolubilmente legati!

La fase che stiamo attraversando è densa d’incognite. Dopo oltre due mesi dall’inizio dell’aggressione russa all’Ucraina, la diplomazia non fa un passo avanti, al suo posto galoppa, al contrario, un’escalation che potrebbe sfociare in un conflitto globale.

Le condizioni politiche e sociali sono notevolmente diverse, la stagione delle grandi rivendicazioni sindacali sembra finita, ma la lezione storica del 1 Maggio è ancora attuale. Bisogna riprendere con nuovo vigore e nuova spinta ideale il nostro lavoro quotidiano. La storia del movimento operaio ci ha consegnato sconfitte, ma anche tante vittorie, che sono state ottenute con l’unità. E’ importante stare insieme, anche nelle diversità, che spesso non sono mancate, perché l’unità sindacale è un valore in sé, che va perseguito, sempre

Freud, a chiusura del suo Compendio di psicoanalisi, cita una celebre frase di Goethe: “Ciò che hai ereditato dai padri, riconquistalo, se vuoi possederlo davvero” Forse non è ancora troppo tardi per farlo.

W il Primo Maggio! W i Lavoratori!

 

 

WhatsApp Image 2022 04 23 at 21.35.44

Il 25 aprile 1945, settantasette anni or sono alle 8 del mattino, via radio,Sandro Pertini, a nome del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclamava l’insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazi-fascisti, mettendoli davanti all’alternativa “ Arrendersi o perire!”

In realtà la lotta era già cominciata qualche anno prima, dopo l’armistizio dell’8 Settembre del 1943, e ancor prima con gli straordinari scioperi del Marzo dello stesso anno a Milano, Torino e Genova; ma la data del 25 Aprile ’45 rimane data simbolica per chi combatté la guerra partigiana.

Erano donne, uomini, preti, operai, intellettuali, giovani, perfino ragazzi. Soldati e ufficiali dell’esercito italiano, lasciati allo sbando, scampati alle deportazioni in Germania perché non si erano arruolati nell’esercito della Repubblica di Salò.

Gente di ogni età ed estrazione sociale, con differenti idee religiose e politiche, ma tutti accomunati da un’identica idea: lottare per raggiungere la Democrazia, liberare l’Italia e mettere fine a vent’anni di dittatura fascista.

Non ci sono dati concreti, d’altronde sarebbe impossibile reperirne, vista l’estrema aleatorietà delle fonti, ma si stima che tra i 400.000 e i 500.000 partigiani e partigiane armati abbiano svolto azioni di guerriglia, di sabotaggio, di supporto all’esercito angloamericano.

Ma fu anche guerra civile, guerra contro la Repubblica Sociale Italiana, lo stato fantoccio voluto e sorretto dai nazisti, contro coloro che, giovani e giovanissimi, in buona o in mala fede, si schierarono dalla parte sbagliata, e che assieme a fanatici e sanguinari, si resero protagonisti di stragi, repressioni e atti di ferocia senza pari nei confronti delle popolazioni.

La data del 25 Aprile rappresenta anche l’avvio della fase di governo del CLN, che sfocerà nel referendum del Giugno ’46 per la scelta monarchia o repubblica, consultazione che vedrà per la prima volta le donne chiamate alle urne; poi dopo la nascita della Repubblica Italiana, la stesura della carta Costituzionale.

E’ da, da quelle donne e uomini che lottarono per la libertà e per la democrazia che discendono i valori fondanti della nostra Costituzione, basati sul lavoro, sulla pace, sull’uguaglianza, sulla libertà dal bisogno.

Questo racconto non può restare relegato alla retorica di una giornata! Va trasmesso alle giovani generazioni, va testimoniato nella prassi quotidiana. La lotta Partigiana deve ricordarci che nulla fu regalato, che tutto venne conquistato; ed è per questo che la Costituzione, con i suoi valori, nata dopo un ventennio di dittatura, rimane un bene indisponibile!

Quest’anno,in occasione del 25 Aprile, una riflessione si impone. Il tema, ovviamente, riguarda ciò che accadde negli anni tra il 1943 e il 1945, ed i possibili accostamenti a quello che sta accadendo in Ucraina dopo l’aggressione Russa.

L’ANPI, per parte sua, dichiarando il proprio totale ripudio della guerra come mezzo per risolvere le questioni tra le nazioni, ha assunto una posizione netta e condivisibile. NATO e USA stanno armando l’Ucraina affinché vada fino in fondo in questa guerra, e non perché sia più forte nel tavolo della trattativa che, prima o poi,bisognerà aprire; il risultato è che, come ha osservato il Pontefice, si è giunti alla “terza guerra mondiale a pezzi”

Non si parla quasi più di negoziati. Sembrerebbe che la pace, che chiede inevitabilmente delle mediazioni, non interessi più a nessuno, soprattutto alla stampa mainstream, che continua ad esaltare gli eroici ucraini, che vanno armati, per combattere efficacemente Putin.

Cui prodest? Si chiedevano i latini. Non certo all’Europa, che appoggia e rifornisce una guerra che ogni giorno che passa, rischia di trasformarsi in un conflitto mondiale.

E’ opportuno non farsi travolgere dall’ondata conformista e ribadire il nostro rifiuto più totale alla guerra, a tutte le guerre, la ricerca della pace è stato uno dei temi fondanti del manifesto di Ventotene, dal quale presero le mosse e le premesse per la costituzione dell’Unione Europea. Non dimentichiamolo.

W il 25 Aprile! W la pace!

locandina

IL PANE E LE ROSE

L’idea di dedicare una giornata internazionale alla donna parte da molto lontano. E’ diffusa l’opinione, che la data dell’8 marzo sia da collegarsi alla tragedia, avvenuta in una fantomatica fabbrica tessile di New York, nel 1908. In realtà, la giornata internazionale della donna, fu elaborata nel1909, negli Stati Uniti, su iniziativa del Partito socialista americano, che istituì il Woman da, per celebrare le lotte delle operaie che si battevano per migliori condizioni di lavoro. L’anno successivo, a Copenaghen, durante la conferenza internazionale delle donne socialiste, cui parteciparono cinquantotto delegate provenienti da tredici paesi, fu sancita la decisione di istituire una giornata internazionale, dedicata alla rivendicazione dei diritti delle donne e al suffragio femminile.

Fino allo scoppio della prima guerra mondiale, i singoli paesi scelsero ognuno la propria data per la commemorazione.

L’8 Marzo del 1917, a San Pietroburgo, le donne manifestarono, con un’imponente manifestazione, per chiedere la fine della guerra al grido di PANE e PACE, mutuando lo slogan della suffragetta inglese Rose Scheiderman (bread and roses) lanciato da quest’ultima durante una marcia di protesta, per ottenere il diritto di voto alle donne. In seguito, durante i lavori della seconda conferenza internazionale delle donne, nel 1921, fu stabilito che l’8 Marzo fosse la giornata internazionale dell’operaia, fissando un giorno comune a tutti paesi.

In Italia, la giornata internazionale della donna, fu tenuta la prima volta nel 1922. Dopo la caduta del fascismo, l’UDI unione donne italiane, formata da militanti appartenenti al PCI, PSI, e al Partito d’Azione, decise di celebrare l’8 Marzo del 1945 la prima giornata della donna nelle zone liberate. Nel 1946 fu celebrata in tutta Italia, e vide per la prima volta la comparsa della mimosa. Nel 1975 le Nazioni Unite, nella carta dei diritti, affermano il principio di eguaglianza tra i generi, designando l’8 Marzo giornata internazionale della donna.

Oggi del valore originario resta ben poco, la festa si è trasformata in una ricorrenza commerciale come tante altre nel tentativo, inutile, di cancellare le sue origini femministe, socialiste, operaie.

L’8 marzo deve riacquistare l’importanza che merita e ispirare sempre più movimenti, mobilitazioni e proteste, quando necessario, per ottenere i diritti e le opportunità che le donne meritano

 

Giornata della Memoria 1

ECCO DOVE ERA LA CGIL

140852507 e2c37553 c9a1 4fd5 affb 40be6a4b9e66

GOVERNO MONTI
12/12/2011 – Pensioni, Contro manovra e riforma Fornero
CGIL CISL UIL Sciopero generale unitario con presidi davanti alle prefetture 4 ore
7/05/2012 – Contro politiche di austerità
CGIL Sciopero generale con manifestazioni territoriali
18/06/2012 – “Il valore del lavoro” Per crescita e sviluppo
CGIL CISL UIL Manifestazione
24/06/2012 – No Austerità Contro legge sul mercato lavoro e riforma ammortizzatori
CGIL Sciopero generale con assemblee
27/06/2012 – Austerità e pensioni Contro fiducia alla manovra
CGIL Presidio davanti a Montecitorio
20/10/2012 – Per cambiare le politiche del governo Il lavoro prima di tutto
CGIL Manifestazione a piazza S. Giovanni
14/11/2012 – Per il lavoro, la solidarietà e contro l’austerità
CGIL e sindacati europei. Sciopero generale
GOVERNO LETTA
23/06/2013 – Per riportare il lavoro al centro dell’agenda
CGIL CISL UIL Manifestazione nazionale a piazza S. Giovanni
13/11/2013- Contro la legge di stabilità
CGIL CISL UIL Sciopero generale
14/12/2013 – Per cambiare la legge di stabilità
CGIL CISL UIL Giornata mobilitazione
GOVERNO RENZI
10/06/2014 – Pensioni, Piattaforma su previdenza e fisco
CGIL CISL UIL Esecutivi unitari
22 e 24/07/2014 – Per il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga
CGIL CISL UIL presidio a Montecitorio
25/10/2014 – Contro il Jobs Act e iniziative del governo sul lavoro
CGIL Manifestazione nazionale a piazza S. Giovanni
17-19/11/2014 – Jobs Act, preoccupazioni e proposte su atti legislativi in approvazione
CGIL I vertici incontrano le delegazioni parlamentari
26/11/2014 – Flashmob dei giovani contro il Jobs Act  “Fa acqua da tutte le parti”
CGIL Roma, Galleria Colonna
12/12/2014 – Contro il Jobs Act e la legge di stabilità
CGIL UIL Sciopero generale di 8 ore con manifestazioni provinciali
dal 23 al 30/06/2014 – Jobs Act, Contro le norme sul controllo a distanza
CGIL Flashmob in tutta Italia
19/03/2015 – Appalti, per un nuovo codice
CGIL Banchetti e volantinaggi in tutta Italia per raccogliere firme
14/04/2015 – Politiche economiche in continuità coi governi precedenti
CGIL Conferenza stampa sul Def
22 e 24/9/2015 – Pensioni Esodati e Opzione donna
CGIL CISL UIL Presidi davanti al Mef
dal 5 al 15/10/2015 – Pensioni, Per chiedere la riforma della legge di stabilità e legge Fornero
CGIL CISL UIL Presidi in tutta Italia
17/12/2015 – Pensioni/Legge Fornero Mobilitazioni unitarie
CGIL CISL E UIL Attivi interregionali a Bari, Firenze e Torino
2016 CGIL Anno dei Referendum e della Carta dei diritti fondamentali del lavoro 
Elaborazione, raccolta firme e campagna di comunicazione
18/01/2016 – Jobs Act Inizia la consultazione degli iscritti
CGIL Conferenza stampa presentazione Carta dei Diritti
1/03/2016 – Pensioni Cambiare la Fornero
CGIL CISL UIL Perugia Manifestazione
21/03/2016 – Jobs Act, conclusa consultazione iscritti con 41 mila assemblee e con il voto di 1,4 milioni di lavoratori.
Si decide per una proposta di legge e raccolta firme per referendum
2/04/2016 – Pensioni “Cambiare le pensioni”
CGIL CISL UIL Manifestazione nazionale con articolazioni territoriali
9/04/2016 – Jobs Act Raccolta firme per tre referendum (appalti, art. 18, voucher) e proposta legge su Carta dei diritti
CGIL Giornata di mobilitazione per lancio iniziativa
22/04/2016 – Pensioni A sostegno vertenza esodati e precoci
CGIL CISL UIL Presidio davanti al Mise
dal 28/04/2016 al 15/05/2016 – Jobs Act, presentazione della proposta di legge che cambia diritto del lavoro
CGIL Presentazione ai gruppi parlamentari
7/05/2016 – Globalizzazione “Fermare il TTIP”
CGIL Manifestazione nazionale
1/07/2016 – Jobs Act 3,3 milioni di firme per i tre referendum
CGIL Consegnate in Cassazione le firme per i Referendum
29/09/2016 – Jobs Act, manifestazione a piazza del Popolo
CGIL Consegnate 1 milione e 150 mila firme per proposta di legge
GOVERNO GENTILONI
26/01/2017 – Jobs Act, mobilitazione sui referendum “Con 2 sì tutta un’altra Italia”
CGIL Assemblea nazionale su Referendum
11/02/2017 – Jobs Act Giornata nazionale di mobilitazione per i referendum
CGIL iniziative in tutte le città
6/04/2017 – Jobs Act Presidio fino all’approvazione alla Camera Decreto cancella voucher e ripristino responsabilità solidale negli appalti
CGIL Presidio davanti a Montecitorio
19/04/2017 – Jobs Act Presidio fino all’approvazione al Senato Decreto cancella voucher e ripristino responsabilità solidale negli appalti
CGIL Presidio davanti al Pantheon
6/05/2017 – Jobs Act sostegno della proposta di legge “Carta dei Diritti Universali del Lavoro”
CGIL Manifestazione nazionale a Roma
17/06/2017 – Jobs Act “Rispetto”, manifestazione contro il ripristino dei voucher
CGIL Manifestazione nazionale
13/07/2017 – Pensioni, Riparte la mobilitazione sulla fase 2
CGIL CISL UIL Iniziativa nazionale quadri e delegati
14/10/2017 – Legge Bilancio, Per sostenere proposte su lavoro, previdenza, welfare e sviluppo
CGIL CISL UIL Mobilitazione nazionale con presidi in tutte le province
02/12/2017 – Pensioni “l conti non tornano”
CGIL Manifestazione nazionale con articolazioni territoriali
19/01/2018 – Sicurezza sul lavoro
CGIL CISL UIL Assemblea generale
GOVERNO CONTE 1
24/07/2018 – Dl Dignità, Contro il ripristino dei voucher in agricoltura
CGIL Giornate di mobilitazione davanti a Montecitorio
2/08/2018 – Dl Dignità, Contro reintroduzione dei voucher
CGIL Flashmob piazza Pantheon a Roma
19/09/2018 – Sanità: pubblica è meglio
CGIL CISL UIL Assemblea nazionale a Napoli
10/11/2018 – Diritti delle donne
CGIL in piazza a Roma contro il ddl Pillon
13/12/2018 – Riforma relazioni industriali
CGIL, CISL, UIL, e Agci, Confcooperative, Legacoop, siglano accordo
13/12/2018 – Patto della fabbrica
Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, firmato accordo su sicurezza lavoro
18/12/2018 – Legge di bilancio 2019
CGIL, CISL e UIL, iniziative nazionali a Roma, Milano e Napoli
09/02/2019 – #FuturoalLavoro, a sostegno della piattaforma unitaria di confronto con il governo
CGIL, CISL e UIL manifestazione nazionale a Roma in piazza San Giovanni
15/02/2019 – Ambiente, Friday For Future
CGIL aderisce alla mobilitazione per garantire futuro sostenibile. Maurio Landini incontra Greta Thunberg nella sede della Cgil il 19/04/2019
26/04/2019 – Europa, Call to Action for a fairer Europe for workers
CGIL, CISL e UIL a Bruxelles per manifestazione Ces, sindacato europeo
07/05/2019 – Europa e Mezzogiorno ‘La nostra Europa. La cultura, il lavoro. La cultura del lavoro’
CGIL, CISL e UIL a Matera, capitale europea della cultura 2019
28/05/2019 – Codice degli appalti pubblici
CGIL, CISL e UIL manifestazione a Roma in Piazza Montecitorio contro il decreto sblocca cantieri
21/06/2019 – ‘Ripartiamo dal Sud per unire il Paese’
CGIL, CISL e UIL,  prosegue la mobilitazione con manifestazione nazionalea Reggio Calabria
04/07/2019 – Food delivery ‘No easy riders’
CGIL, da 8 città parte la campagna per i diritti, le tutele, la salute e la sicurezza dei ciclofattorini
GOVERNO CONTE 2
15/10/2019 – Patto per il Sud, rilanciare investimenti e creare opportunità di lavoro
Firmano Confindustria, CGIL, CISL e UIL
10, 12 e 17/12/2019 – Lavoro e pensioni: settimana di mobilitazione
Mobilitazione CGIL, CISL e UIL con tre appuntamenti nazionali a Roma e altre iniziative territoriali
14/03/2020 – Coronavirus, misure di contrasto e contenimento del virus negli ambienti di lavoro
Governo e Parti sociali, sottoscrivono il Protocollo condiviso che sarà successivamente integrato il 24 aprile 2020
25/03/2020 – Coronavirus, prevenzione e sicurezza dei lavoratori della sanità
Siglato da CGIL, CISL e UIL e Ministero della Salute
25/03/2020 – Coronavirus, attività essenziali
CGIL, CISL e UIL firmano intesa con Governo
30/03/2020 – Coronavirus, raccolta fondi per le terapie intensive
CGIL, CISL e UIL raccolgono in dieci giorni un milione di euro
03/04/2020 – Coronavirus: tutela dipendenti pubblici
CGIL, CISL e UIL sottoscrivono con Governo il protocollo
24/06/2020 – Clima
CGIL, CISL e UIL seconda giornata d’azione globale sindacale
29/07/2020 – ‘La notte per il lavoro’
CGIL, CISL e UIL a Piazza Santi Apostoli
19/08/2020 – Coronavirus, misure di sicurezza per servizi educativi e scuole infanzia
CGIL, CISL e UIL sottoscrivono protocollo
11/10/2020 – ‘Ripartire dal Lavoro’
CGIL, CISL e UIL giornata mobilitazione nazionale
10/10/2020 – Sanità, Pubblica e per tutti!
CGIL, manifestazione a piazza del Popolo
28/10/2020 – Coronavirus, misure per il lavoro
CGIL, CISL e UIL accordo col Governo su conferma 18 settimane di cassa Covid
29/10/2020 – Sisma 2016, solidarietà parti sociali
CGIL, CISL e UIL e Confindustria, 7 milioni di euro raccolti e 130 progetti finanziati
30/10/2020 – Coronavirus, proroga misure per il lavoro
Governo accetta richieste CGIL, CISL e UIL, 12 settimane di cassa integrazione Covid e blocco dei licenziamenti fino al 21 marzo 2021
26/11/2020 – Artigianato
CGIL, CISL e UIL firmato accordo interconfederale
GOVERNO DRAGHI
10/03/2021 – ‘Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la Coesione Sociale’
CGIL, CISL e UIL sottoscrivono a Palazzo Chigi il Patto governo-sindacati
22/03/2021 – Amazon, primo storico sciopero al mondo per tutta la filiera
CGIL, CISL e UIL sciopero di 24 ore
06/04/2021 – Coronavirus, misure di contrasto e contenimento del virus negli ambienti di lavoro
Governo e Parti sociali sottoscrivono nuovo Protocollo che aggiorna e sostituisce quello del 14 marzo 2020 successivamente integrato il 24 aprile 2020
12/05/2021 – Sicurezza, ‘Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro’
CGIL, CISL e UIL, assemblea nazionale
20/05/2021 – Sicurezza sul lavoro
CGIL, CISL e UIL, assemblee nei luoghi di lavoro in tutta Italia
20/05/2021 – ‘Patto per la scuola’
CGIL, CISL e UIL sottoscrivono a Palazzo Chigi documento di impegni in 21 punti
28/05/2021 – Lavoro, blocco licenziamenti, ammortizzatori sociali, ripresa tavoli crisi aziendali, contro semplificazione appalti e per accordo nazionale su salute e sicurezza
Mobilitazione CGIL, CISL e UIL in Piazza Montecitorio
26/06/2021 – ‘Ripartiamo, insieme’ Con il lavoro, la coesione e la giustizia sociale per l’Italia di domani
CGIL, CISL e UIL manifestazioni nazionali a Bari, Firenze e Torino
29/06/2021 – Lavoro, accordo su licenziamenti
Avviso comune tra governo e parti sociali che impegna aziende ad utilizzo ammortizzatori sociali per evitare i licenziamenti. Avviato confronto su riforma ammortizzatori sociali, politiche attive e formazione
13/07/2021 – Nuovi diritti
CGIL in piazza per chiedere approvazione ‘Ddl Zan’
19/08/2021 – Rider
CGIL presenta la prima class action in materia di lavoro
16/10/2021 – Mai più fascismi: per il lavoro, la partecipazione, la democrazia
CGIL, CISL, UIL Manifestazione nazionale a Piazza San Giovanni a Roma dopo l’assalto fascista alla sede nazionale CGIL del 9 ottobre
11/11/2021 – #CambiaManovra
CGIL, CISL, UIL Partono le mobilitazioni regionali per cambiare la Legge di bilancio 2022
13/11/2021 – Emergenza infortuni #Bastamortisullavoro
CGIL, CISL, UIL Manifestazione nazionale degli edili a piazza Ss. Apostoli Roma
16/12/2022 – Insieme per la giustizia – Sciopero generale CGIL e UIL di 8 ore contro la legge di bilancio
Manifestazione nazionale a Roma e iniziative interregionali a Bari, Cagliari, Milano e Palermo