CGIL Salerno
A Fianco della CGIL c’erano movimenti per la pace, tutti i partiti della sinistra, associazioni di volontari impegnate nel sociale, i giovani di Sinistra Italiana, alcuni collettivi di studenti delle scuole romane, le bandiere di “Libera”, Emergency con il suo striscione. Tra la folla si sono visti Massimo D’Alema, Enrico Letta, i ministri Speranza e Orlando, il candidato al comune di Roma Gualtieri. Non mancava Giuseppe Conte, con una delegazione Cinque Stelle, ma anche Di Maio, la Taverna, alcuni esponenti di Articolo Uno, e Dema, il movimento di Luigi De Magistris. Sul palco Sergio Cofferrati vicino a don Luigi Ciotti il quale, nel suo intervento, ha denunciato come la violenza dei fascismi e dei sovranismi, nasca da una società disgregata. Dopo gli interventi di Sbarra, CISL, e Bombardieri, UIL, l’atteso intervento di Maurizio Landini a chiusura di questa giornata di mobilitazione. “L’attacco alla CGIL è un attacco alla dignità del lavoro di tutto il Paese, questa piazza chiede atti concreti, lo Stato dimostri la sua forza democratica nell’applicare le leggi e i principi della Costituzione, noi siamo qui non per difendere qualcuno, ma per difendere la democrazia, dedichiamo questa giornata- ha proseguito Landini- ai giovani, perché vivano in un paese migliore, senza guerre e senza fascismo” Poi “Bella Ciao”, cantata a squarciagola da tutta Piazza San Giovanni, a suggellare lo slogan dello striscione della Fillea di Roma “Noi con i fascisti abbiamo finito di parlare il 25 Aprile del 1945”
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Contenuto commutatore