Mannaggia la miserìa

domiciliare Storie di braccianti stranieri e caporali nella Piana del Sele

Prefazione di Guglielmo Epifani


Il prossimo martedì 17 marzo, alle ore 16.30, presso la sala Bottiglieri della Provincia di Salerno, sarà presentato il libro di Anselmo Botte, segretario CGIL Salerno, dedicato alle storie di vita degli immigrati accampati a San Nicola Varco. Il testo, intitolato “Mannaggia la miserìa” – con l’accento sulla seconda “i” per richiamare il modo in cui gli stranieri ripetono questa imprecazione – è una drammatica testimonianza delle condizioni di vita cui sono costretti centinaia di giovani marocchini.

“Ho cercato di interpretare e di dare voce – ha detto Anselmo Botte – alle migliaia di immigrati che faticano nelle campagne della Piana del Sele, tra caporalato, sfruttamento e lavoro nero. Il libro vuole essere una denuncia delle loro incivili e disumane condizioni di vita, ma anche un tentativo di delineare proposte e percorsi utili per la costruzione di un progetto di riscatto ”.

Nel corso della presentazione discuteranno con l’autore Don Marco Russo, della Caritas Diocesana, Franco Tavella, segretario generale CGIL Salerno e Franco Calvanese, professore di sociologia del lavoro e sociologia delle migrazioni presso l’Università degli Studi di Salerno.
Modera Mariano Ragusa, direttore de “Il Mattino” di Salerno.
Inoltre, saranno presenti i genitori di Marco Beyene, 22 anni, vittima dell’aggressione a sfondo razzista in Piazza del Gesù a Napoli.

L’indomani, mercoledì 18 marzo, alle ore 10.00, il libro sarà presentato, invece, proprio nel luogo in cui è nato e cioè il “ghetto” di S.Nicola Varco.

Salerno, 13-03-09 Ufficio stampa CGIL Salerno