Rischio infiltrazioni camorristiche negli appalti pubblici

domiciliare Le preoccupazioni di Tavella in una lettera al Prefetto


Pubblichiamo di seguito la nota che il Segretario Generale CGIL di Salerno, Franco Tavella, ha inviato al Prefetto Claudio Meoli per le preoccupazioni che stanno emergendo in tema di rischio infiltrazioni malavitose negli appalti pubblici del salernitano.

Al Sig. Prefetto Provincia Salerno
Dr. Claudio Meoli


Illustrissimo Sig. Prefetto,
Mi preme segnalarLe che, da qualche settimana, nel dibattito in corso con lavoratori, precari e pensionati in preparazione delle manifestazioni in programma per il 28 marzo a Nocera Inferiore e per il 4 aprile a Roma, sta emergendo, sempre con più insistenza, la preoccupazione che la criminalità organizzata campana stia intensificando interessi e attenzioni al territorio salernitano.
La conferma di tale preoccupazione viene anche dalle continue denunce che Fausto Morrone, consigliere comunale della città capoluogo, invia costantemente a Lei ed ai Vertici istituzionali del Paese.
Denunce quest’ultime che, pur entrando in modo dettagliato, con nomi e cognomi dei gruppi malavitosi che si sarebbero aggiudicati l’appalto pubblico per la realizzazione della strada di collegamento al termovalorizzatore in città, non avrebbero fatto maturare, da parte delle rappresentanze istituzionali interessate, nessun riscontro di merito al consigliere Morrone.
Dopo l’arresto del latitante Gabriele Brusciano nell’ambito delle indagini sul mercato agroalimentare, appare dunque evidente che i casalesi potrebbero trovare spazi idonei per iinfiltrarsi anche negli appalti del salernitano.
Un quadro, quindi, senza dubbio allarmante, che ritengo sarà affrontato con la determinazione di sempre dalla Magistratura e dalle Forze dell’Ordine, ma tuttavia credo che occorra una maggiore attenzione nei controlli delle amministrazioni pubbliche sulle gare d’appalto.
Rispetto a ciò, vista la denuncia del consigliere Morrone, con la quale si afferma che “la gara di costruzione della strada di accesso al termovalorizzatore è stata aggiudicata alla Società Campania Appalti Srl” e che la stessa – secondo il Consigliere comunale – annovera tra gli amministratori parenti di primo grado di persone affiliate a organizzazioni camorristiche campane, Le chiedo se alla predetta Società è stata rilasciata regolare certificazione antimafia prevista dalla normativa vigente.
Certo di cortese riscontro, colgo l’ occasione per porgerLe

Distinti saluti.
Il Segr. Gen. CGIL Salerno Franco Tavella
Salerno, 12 marzo 2009