San Nicola Varco

domiciliare Soddisfazione per decisione giunta regionale


La CGIL Campania e la Camera del Lavoro Territoriale di Salerno esprimono, in una nota, “soddisfazione per le decisioni della giunta regionale in merito agli interventi per la riqualificazione dell’area di San Nicola varco”. “Ci sono – secondo la CGIL – tutte le premesse per rispondere al bisogno di minime condizioni di civiltà e di bonifica dell’area”.
La CGIL chiede l’attivazione di un tavolo regionale, con la presenza anche del Governo, “per individuare soluzioni temporanea e realizzare l’obiettivo preposto”.
“Non è – sottolinea il sindacato – il momento delle polemiche. Ci sorprende il silenzio su questa vicenda degli imprenditori salernitani e campani. Nessuno può pensare che tanta gente sia solo carne da macello da sfruttare nei campi o nelle attività industriali. C’è bisogno del loro contributo, ma in condizioni di rispetto civile e sociale”.
“Ci auguriamo – si legge ancora nel comunicato - che il presidente Montezemolo, che domani sarà a Napoli, faccia sentire la propria voce. Chi agita lo spettro della xenofobia e dell’esclusione sottovaluta l’importanza strategica del territorio salernitano nell’area del Mediterraneo. La provincia è sede di importanti investimenti e molti imprenditori locali e campani hanno, dal canto loro, puntato su paesi come Tunisia, Algeria, Marocco, Libia ed Egitto. E’ un ruolo che Salerno non può non valorizzare”.
“In questo senso- aggiunge l’organizzazione sindacale – la presenza di tanti lavoratori, molti dei quali laureati ed istruiti, in condizioni che non avremmo tollerato per i nostri connazionali, non è un buon biglietto da visita”. “Ora - concludono CGIL Campania e Camera del Lavoro di Salerno – bando alle polemiche. Misuriamoci su un terreno di comune impegno e civiltà, così come ha già fatto il vescovo di Salerno Monsignor Pierro”.

Salerno 18 Novembre 2007 Ufficio Stampa CGIL Salerno