Extracomunitari e disagi socio-ambientali

TAVELLA CON EPIFANI E IL VESCOVO TRA GLI ACCAMPATI DI S. NICOLA VARCO

Dopo la Conferenza Nazionale sull’Immigrazione, promossa dalla Cgil e svoltasi di recente a Napoli, Guglielmo Epifani, segretario generale della CGIL, è tornato in Campania per incontrare, insieme all’Arcivescovo di Salerno Gerardo Pierro, i circa 700 extracomunitari che vivono in condizioni di estrema precarietà ad Eboli, nel “ghetto” dell’ex mercato ortofrutticolo di S. Nicola Varco.
Con questi due autorevoli esponenti, all’incontro hanno partecipato, oltre al segretario regionale Cgil, Michele Gravano, e al dirigente della Camera del Lavoro di Salerno, Franco Tavella, numerose autorità locali e istituzionali, il responsabile del dipartimento immigrati, Anselmo Botte, e tante delegazioni di lavoratori e pensionati salernitani. Dopo un’interessante mattinata in tour per relazioni e confronti con il rettore Raimondo Pasquino, docenti e studenti dell’Università della Valle dell’Irno, Epifani ha voluto quindi soffermare l’attenzione sulla drammatica condizione socio-ambientale degli immigrati che lavorano nelle campagne della Piana del Sele.
Sia il numero uno della Cgil che il Vescovo, anche se con sfumature diverse, hanno evidenziato la necessità di intervenire al più presto e con la massima determinazione per evitare che tante persone continuino a vivere nel disagio più assoluto e in strutture prive di energia elettrica, servizi ed acqua corrente.
Anche gli altri intervenuti si sono soffermati su questi temi, sottolineando, in particolare, che la Camera del Lavoro di Salerno e la Cgil regionale da tempo stanno conducendo una vera e propria battaglia a tutti i livelli per tentare di garantire condizioni più rispondenti alle esigenze e alle attese dei lavoratori immigrati.
“Con la venuta di Epifani in questa realtà, dove regna soprattutto la precarietà, abbiamo voluto – afferma Tavella – che il massimo esponente del sindacato italiano toccasse con mano le assurde difficoltà che gli extracomunitari incontrano in queste zone. Si tratta di un problema di grande attualità, anche alla luce degli ultimi fatti di cronaca che rischiano di creare un’ondata xenofoba nel paese. La situazione degli extracomunitari è particolarmente delicata, per questo ritengo che debba essere affrontata con più attenzione, partendo dalla sicurezza per tutti i cittadini, dall’espulsione e da pene certe per chi delinque, ma soprattutto da iniziative volte ad affermare per tutti condizioni socio-ambientali e culturali degne di un paese civile”.

14 novembre 2007 Ufficio Stampa Cgil Salerno

Lettera di ringraziamento di Franco TAVELLA al Vescovo

Le Foto dell'iniziativa a cura dello Spi-CGIL Salerno