Anziani appiedati
STORIA ALL’ITALIANA TRA COMUNE, CSTP E UNICO CAMPANIA

Pensionati appiedati per le inadempienze del Comune di Salerno verso il CONSORZIO UNICO CAMPANIA. Da mesi ormai i pensionati a basso reddito, che usufruiscono di agevolazioni tariffarie sui mezzi del CSTP, sono costretti infatti a registrare assurdi ritardi nel rilascio dell’abbonamento mensile per viaggiare lungo gli itinerari urbani della città capoluogo con i bus dell’ex Atacs.
La vicenda, come si verifica spesso negli Enti o Aziende Pubbliche della provincia di Salerno, si sta caratterizzando come una delle tante “storie all’italiana” dove è difficile individuare “cause e responsabilità”, in quanto ognuno cerca di scaricare sugli altri il disservizio che sta danneggiando tante persone anziane, soprattutto dei quartieri periferici, che già vivono nel disagio socio-economico.
Infatti, c’è chi sostiene che la colpa è del Cstp, chi dice che i ritardi nel rilascio degli abbonamenti sono da addebitare al Consorzio Unico Campania e chi invece evidenzia che la responsabilità è unicamente del Comune di Salerno che, oltre ad avere debiti da saldare al Consorzio Unico Campania, non avrebbe ancora comunicato l’elenco degli aventi titolo all’agevolazione tariffaria.
Una situazione quindi incresciosa, che sancisce ancora una volta la scarsa attenzione che le istituzioni rivolgono alle persone anziane e bisognose e che rispecchia la confusione burocratica che regna nelle relazioni tra gli Enti preposti.
Rispetto a questo quadro il sindacato pensionati italiani e la federazione italiana lavoratori trasporti della Cgil di Salerno chiedono alla Direzione del Cstp di convocare un incontro congiunto con la partecipazione dei sindacati, dell’Assessore ai Trasporti del comune di Salerno e del Rappresentante del Consorzio Unico Campania affinché una volta per tutte venga individuato il responsabile del disservizio e venga quindi
risolto questo spinoso problema.
In mancanza, i sindacati del settore annunciano che, così come stanno sollecitando i pensionati in queste ore, saranno attuate in città azioni di protesta.

Salerno 5 gennaio 2007

Segreteria Spi-Cgil
Segreteria Filt-Cgil
Salerno