Sono le di
Cgil Salerno Via F. Manzo, 64 -84100 Salerno
089-2586711 089-2586710 Sito@cgilsalerno.it

Castel San Giorgio, incendiati i mezzi della raccolta rifiuti

Quanto accaduto nella notte appena trascorsa a Castel San Giorgio rappresenta un atto di gravità inaudita che, presumibilmente , mira a intimidire l’amministrazione Comunale e gli stessi Operatori che nel settore dell’ Igiene Ambientale lavorano. Sono andati distrutti diversi mezzi utilizzati per la raccolta dei rifiuti e altri risultano essere stati gravemente danneggiati. Ancora non sappiamo se le strutture del deposito hanno riportato danni e dalle prime indagini sembrerebbe profilarsi un atto   doloso  da parte di ignoti. Tutto ciò avviene quando l’amministrazione Comunale, finalmente, decide di indire apposita gara pubblica per l’intero ciclo dei rifiuti urbani , in attesa dei costituenti ATO  e  quando è stato sospeso il meccanismo delle proroghe al medesimo Imprenditore il cui  appalto  era da tempo scaduto. Gli atti posti in essere, in assoluta trasparenza, quindi, intendono ripristinare legalità  e certezza del diritto, fermo restando l’impegno attraverso le clausole sociali e del rispetto della legge regionale di riassorbire tutte le maestranze, a partire dai lavoratori consortili , di essere ricollocati ed assunti dal soggetto gestore che risulterà vincitore all’esito della zona in via di indizione. Le  Autorità , siamo convinti, faranno piena luce sull’accaduto e ci auguriamo possano, da subito, assicurare alle patrie galere  quanti si sono resi colpevoli di questo gesto, si ripete, grave nei termini intimidatori che nella sua portata.
Ma a Castel San Giorgio ormai da troppo tempo si osserva, inermi , a situazioni e gesti gravi: auto di consiglieri date alle fiamme  così come quelle degli assessori e di qualche privato cittadino. È una situazione non più tollerabile.
Le istituzioni locali vanno difese e sostenute… Amministratori, Consiglieri ed Assessori, nonché, il Sindaco non possono essere lasciati soli. Devono sentire forte la voce e la presenza dello Stato, delle istituzioni, tutti. Abbiamo chiesto, a tal fine, al Signor Prefetto di voler convocare a Castel San Giorgio il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Riteniamo che il coordinamento tra tutte le forze di polizia, Tribunale, altre istituzioni rappresenta la strategia migliore per la tutela della sicurezza pubblica a salvaguardia del bene collettivo che deve essere patrimonio fruibile dell’intera comunità di Castel San Giorgio e dell’Agro Sarnese Nocerino.
Videosorveglianza,  stringente controllo dal territorio, attività di intelligence  e meccanismi di prevenzione dovranno essere valutati e praticati .
Bisogna, quindi, porre in essere tutte le iniziative per ridare senso e certezza di sicurezza a cittadini , soprattutto quelle residenti nelle aree meno abitate. La CGIL  nei prossimi giorni indirà un’Assemblea pubblica aperta a tutti i lavoratori del territorio, ed esprimere fin da adesso tutte le proprie più sentite solidarietà al Sindaco  e agli amministratori, tutti, a tanto di maggioranza quanto di opposizione.
Precisando che oggi, dopo questi ulteriori gravissimi fatti, la comunità San Giorgese ha bisogno di essere unita affinché, legalità, trasparenza    , buon amministrazione e sicurezza possano essere assicurate ai cittadini, tutti.

Arturo Sessa (Segretario Generale Cgil Salerno)

Salerno 15 maggio 2018

Condividi su : Condividi

Condividi su:

(Stampa questa pagina)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categorie

Copyright © 2005 CGIL SALERNO Via F. Manzo, 64,- 84100 SALERNO Sito Realizzato da Centro Sviluppo Web -CGIL Bellizzi (SA) Tel. 0828.1848110

Statistiche